Farmaexplorer.it
XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting

Diabete mellito di tipo 2 e inibitori SGLT2: la revisione su Canagliflozin in seguito ai dati di amputazione delle dita dei piedi è stata estesa anche a Dapagliflozin ed Empagliflozin


La procedura di revisione, che inizialmente riguardava solo Canagliflozin, è stata estesa per includere gli altri medicinali della stessa classe terapeutica, Dapagliflozin ed Empagliflozin. Questo perché il rischio potenziale in valutazione per Canagliflozin, potrebbe riguardare anche gli altri medicinali di questa classe.

L’European Medicines Agency ( EMA ) aveva avviato una revisione sul medicinale antidiabetico Canaglifozin dopo che un aumento delle amputazioni, che riguardavano soprattutto le dita dei piedi, è stato osservato in studio clinico in corso, CANVAS.
Nello studio si sono verificati casi di amputazione degli arti inferiori sia nel gruppo trattato con Canaglifozin che nel gruppo trattato con il placebo e la possibilità che Canaglifozin aumenti i casi di amputazione degli arti inferiori è attualmente non-confermata.

Il Comitato di Valutazione dei Rischi per la Farmacovigilanza ( PRAC ) dell’EMA ha richiesto maggiori informazioni all’azienda per valutare se Canaglifozin possa causare un aumento di amputazioni degli arti inferiori e se sono necessarie modifiche nella modalità di utilizzo di questo medicinale nell’Unione Europea.

I pazienti con diabete ( specialmente quelli con diabete scarsamente controllato e con preesistenti problematiche a livello cardiaco e vascolare ) sono ad aumentato rischio di infezione e ulcerazione che potrebbero richiedere amputazioni degli arti inferiori.

Nessun aumento di queste amputazioni è stato osservato con Canaglifozin in altri 12 studi clinici completati. Un leggero aumento, non statisticamente significativo, nel numero di amputazioni si è verificato in un altro studio in corso denominato CANVAS-R.
Sia CANVAS che CANVAS-R includono pazienti ad alto rischio di problematiche a livello cardiaco e vascolare.

Il PRAC ha chiesto anche dati sugli altri medicinali della stessa classe, conosciuti come inibitori SGLT2.

Mentre la revisione su Canaglifozin è in corso, gli operatori sanitari riceveranno una comunicazione per ricordare loro l’importanza della cura routinaria del piede al fine di evitare tagli o ferite ai piedi e di trattarli tempestivamente, qualora si verificassero, per prevenire infezione e ulcerazione.
I pazienti a maggior rischio di amputazione ( come ad esempio quelli che hanno avuto un'amputazione in precedenza ) devono essere attentamente monitorati. Come misura precauzionale, i medici possono prendere in considerazione l'interruzione del trattamento con Canaglifozin nei pazienti che sviluppano complicanze significative del piede.

Maggiori informazioni su Canagliflozin

Canagliflozin è un principio attivo presente in due medicinali autorizzati con procedura centralizzata, Invokana e Vokanamet ( che contiene anche Metformina ), autorizzati rispettivamente nell’Unione Europea nel 2013 e 2014.

Canagliflozin è un inibitore SGLT2. Esso agisce bloccando una proteina nei reni chiamata cotrasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ). SGLT2 riassorbe glucosio dalle urine nel sangue quando il sangue viene filtrato nei reni. Bloccando l'azione del SGLT2, Canaglifozin determina una maggiore escrezione di glucosio attraverso l'urina, riducendo così i livelli di glucosio nel sangue.

Gli altri inibitori SGLT2 sono Dapagliflozin ed Empagliflozin.

Maggiori informazioni sugli studi CANVAS e CANVAS-R

CANVAS ( CANagliflozin cardioVascular Assessment Study ) è uno studio a lungo termine per valutare se Canaglifozin riduce le patologie cardiovascolari. Esso confronta gli effetti di Canaglifozin e placebo insieme alla cura standard nei pazienti diabetici ad alto rischio di patologie cardiache.
CANVAS è stato autorizzato tra il 2009 e il 2010 nei seguenti Paesi europei: Belgio, Repubblica Ceca, Estonia, Francia, Germania, Ungheria, Lussemburgo, Olanda, Norvegia, Polonia, Spagna, Svezia e Regno Unito.

L’incidenza di amputazione degli arti inferiori nello studio è attualmente pari a 7 su 1.000 pazienti-anno con Canaglifozin 100 mg al giorno e 5 su 1.000 pazienti-anno con Canaglifozin 300 mg al giorno, rispetto a 3 su 1.000 pazienti-anno con placebo.
Un paziente-anno è equivalente ad 1 paziente che assume il medicinale per un anno.
Lo studio ha arruolato circa 4.300 pazienti. I pazienti nello studio sono stati finora seguiti per una media di 4.5 anni.

Lo studio CANVAS-R è uno studio in corso con una popolazione simile a CANVAS. In questo studio, l’incidenza di amputazione agli arti inferiori è stata pari a 7 su 1.000 pazienti-anno con Canaglifozin e 5 su 1.000 pazienti-anno con placebo. Questa differenza non è statisticamente significativa.
I pazienti in questo studio sono stati finora seguiti per una media di 0.75 anni.

Il Comitato indipendente per il monitoraggio dei dati per CANVAS e CANVAS-R ha raccomandato che gli studi proseguano. ( Xagena2016 )

Fonte: EMA, 2016

Endo2016 Chiru2016 Farma2016


Indietro