Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it

I pazienti che assumono farmaci antinfiammatori non-steroidei, ad esclusione dell’Aspirina, hanno una più alta probabilità di essere colpiti da infarto miocardico o da ictus


La FDA ( Food and Drug Administration ) sta rafforzando l’avvertenza riguardo all’aumentato rischio di infarto del miocardio o di ictus dall’assunzione di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), con l’esclusione della Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ).

Sulla base della revisione globale delle nuove informazioni di sicurezza, l’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA, sta richiedendo aggiornamenti alle schede tecniche di tutti gli antinfiammatori non-steroidei di prescrizione.

Le schede tecniche dei farmaci antinfiammatori non-steroidei venduti come over-the-counter ( OTC ) già contengono l’informazione sul rischio di infarto del miocardio e sul rischio di ictus.

Il rischio di infarto miocardico o di ictus può verificarsi già a partire dalle prime settimane di utilizzo di un farmaco anti-infiammatorio non-steroideo.
Il rischio può aumentare con l'uso prolungato dei FANS e con i dosaggi più alti.

In precedenza si riteneva che tutti i FANS potessero avere un rischio simile.
Informazioni più recenti non chiariscono se il rischio di infarto miocardico o di ictus sia simile per tutti i FANS.
Questa nuova informazione non è sufficiente a determinare se il rischio di un particolare antinfiammatorio sia decisamente superiore o inferiore a quello di qualsiasi altro particolare farmaco antinfiammatorio non-steroideo.

I FANS possono aumentare il rischio di infarto del miocardio o di ictus nei pazienti con o senza malattia cardiaca o fattori di rischio per le malattie cardiache.
Un gran numero di studi è a sostegno di queste conclusioni, con diverse stime di quanto aumenti il rischio, in base ai farmaci e alle dosi studiate.

In generale, i pazienti con malattie cardiache o fattori di rischio possono avere una maggiore probabilità di infarto miocardico o ictus dopo l'uso di FANS rispetto ai pazienti senza questi fattori di rischio perché hanno un rischio più elevato al basale.

I pazienti trattati con FANS a seguito di un primo infarto miocardico hanno una maggiore probabilità di morire nel primo anno dopo l'infarto miocardico, rispetto ai pazienti che non sono stati trattati con i FANS dopo il loro primo infarto miocardico.
Vi è inoltre un aumento del rischio di insufficienza cardiaca con l'uso dei farmaci antinfiammatori non-steroidei.

Il rischio di infarto miocardico e di ictus con i FANS, con possibile esito fatale, è stato descritto nel 2005 nelle sezioni Boxed Warning e Warnings and Precautions delle schede tecniche dei farmaci.
Da allora, l’Agenzia regolatoria statunitense ha recensito una varietà di nuove informazioni sulla sicurezza degli antinfiammatori di prescrizione e OTC.

Raccomandazione

I pazienti e gli operatori sanitari devono prestare attenzione agli effetti a livello cardiaco per tutto il periodo di tempo di assunzione dei farmaci antinfiammatori.
I pazienti che assumono FANS devono rivolgersi immediatamente al medico in caso di sintomi come dolore al petto, mancanza di respiro o difficoltà respiratorie, debolezza in una parte o su un lato del corpo, o difficoltà a parlare. ( Xagena2015 )

Fonte: FDA, 2015

Reuma2015 Med2015 Neuro2015 Cardio2015 Farma2015


Indietro